Invito incontro “Bridges and Borders” 21 Ottobre 2016

“Bridges and Borders”

A quasi sessant’anni dalla firma del Trattato di Roma, il processo di integrazione europea, caratterizzato da una espansione continua, ha finito con il riguardare ben 28 Paesi. Nel contempo, si è assistito all’aggravamento di una crisi che si è manifestata sia nell’economia che nella società con il fenomeno delle migrazioni di massa. La debolezza di una risposta europea ha viceversa favorito la tendenza al ritorno verso lo stato nazionale con il ripristino dei confini in vari Paesi europei. Con “Bridges and Borders” si vuole invece porre l’accento sul comune denominatore del consenso verso l’idea di collaborazione e maggiore integrazione europea, vale a dire verso la costruzione di ponti e non di barriere.

L’incontro si terrà venerdì 21 ottobre 2016 con inizio alle ore 17 presso la Sala Convegni del Best Western Gorizia Palace, Corso Italia n. 63, Gorizia.

Dopo i saluti del Presidente dell’Accademia Europeista Claudio Cressati e delle autorità sono previsti gli interventi di:

  • Lino Sartori, filosofo e docente universitario;
  • Alessandro Maran, Senatore della Repubblica;
  • Drago Kraljevic, già Ambasciatore della Repubblica di Croazia;
  • Willibald Richter, già Segretario Generale dell’Europazentrum di Graz (Austria).
  • Concluderà l’incontro lo scrittore Veit Heinichen.

A moderare Pio Baissero, Direttore dell’Accademia Europeista del Friuli Venezia Giulia

Scarica il programma completo dell’evento e della manifestazione Eunet

Programma Venerdì 21 ottobre 2016

Programma EUNET 21-23 Ottobre 2016

 


Incontro “Bridges and Borders”

“Bridges and Borders”

A quasi sessant’anni dalla firma del Trattato di Roma, il processo di integrazione europea, caratterizzato da una espansione continua, ha finito con il riguardare ben 28 Paesi. Nel contempo, si è assistito all’aggravamento di una crisi che si è manifestata sia nell’economia che nella società con il fenomeno delle migrazioni di massa. La debolezza di una risposta europea ha viceversa favorito la tendenza al ritorno verso lo stato nazionale con il ripristino dei confini in vari Paesi europei. Con “Bridges and Borders” si vuole invece porre l’accento sul comune denominatore del consenso verso l’idea di collaborazione e maggiore integrazione europea, vale a dire verso la costruzione di ponti e non di barriere.

L’incontro si terrà venerdì 21 ottobre 2016 con inizio alle ore 17 presso la Sala Convegni del Best Western Gorizia Palace, Corso Italia n. 63, Gorizia.

Dopo i saluti del Presidente dell’Accademia Europeista Claudio Cressati e delle autorità sono previsti gli interventi di:

  • Lino Sartori, filosofo e docente universitario;
  • Alessandro Maran, Senatore della Repubblica;
  • Drago Kraljevic, già Ambasciatore della Repubblica di Croazia;
  • Willibald Richter, già Segretario Generale dell’Europazentrum di Graz (Austria).
  • Concluderà l’incontro lo scrittore Veit Heinichen.

A moderare Pio Baissero, Direttore dell’Accademia Europeista del Friuli Venezia Giulia

Scarica il programma completo dell’evento e della manifestazione Eunet

Programma Venerdì 21 ottobre 2016

Programma EUNET 21-23 Ottobre 2016

 


“Il Grande Imbroglio: una recensione”

Recensione Il Grande Imbroglio | Accademia Europeista F.V.G.

Stefano Righi

Il grande imbroglio. Come le banche si prendono i nostri risparmi

pagg. 159, euro 12,50

Guerini e Associati

di Fabio Feliciano, consulente aziendale

Stefano Righi, giornalista del Corriere della Sera, nel suo “Il Grande Imbroglio” condensa in un manuale di circa 150 pagine un pezzo di storia della recente Italia bancaria. L’intento, perfettamente raggiunto, è non soltanto quello di ripercorrere le vicende ed i fatti accaduti in materia, riproponendoli tout court, ma anche quello di analizzarli da vicino nelle diverse sfaccettature.

Continue Reading


Presentazione “Visioni d’Europa”

Si terrà giovedì 12 maggio, alle 17.30, presso la Sala Tessitori del Consiglio Regionale a Trieste (piazza Oberdan n. 5), la prima presentazione di “Visioni d’Europa”, pubblicazione a cura dell’Accademia Europeista del Friuli Venezia Giulia contenente scritti, tra gli altri, di Claudio Cressati e Pio Baissero, rispettivamente Presidente e Direttore dell’Accademia medesima, del politologo Thomas Jansen, dello storico Georg Meyr, del filosofo Lino Sartori. Ma nella pubblicazione, corredata da un’introduzione del Presidente del Consiglio Regionale, Franco Iacop, rientrano anche una trentina di immagini di fotografi del nostro territorio, che, con i testi, intendono “fornire una sintesi degli ideali di pace e integrazione che ispirano la costruzione europea” come riporta la quarta di copertina; nella pubblicazione sono poi riprodotti alcuni dipinti aventi per soggetto “Il ratto d’Europa”.

Dopo il saluto delle autorità, nella presentazione di “Visioni d’Europa”, oltre a Cressati e Baissero interverranno così alcuni degli esperti in materia di integrazione europea i cui scritti sono riportati nella pubblicazione, sostenuta dalla Regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia e patrocinata dal Consiglio Regionale.

Nell’occasione, “Visioni d’Europa” sarà distribuito gratuitamente.

L’appuntamento è realizzato dall’Accademia Europeista in collaborazione con il Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste, dell’International Propeller Club Port of Monfalcone, del Lions Club Europa di Trieste.


Giornata d’Europa 2016

GIORNATA D’EUROPA 2016   

Lunedì 9 Maggio 2016, ore 11.15
“Auditorium” del Liceo Classico Dante Alighieri
Viale XX Settembre n.11, Gorizia

Riflettendo sul destino del nostro continente

  • ore 11.15     Apertura dell’incontro

    Saluto delle Autorità, del Dirigente Scolastico e del Presidente dell’Accademia Europeista del F.V.G. Claudio Cressati

  • ore 11.30     “Europa, frontiere  e migranti”

    Interventi di: Marco Orioles, sociologo
    Pasquale Antonio Baldocci, già Ambasciatore d’Italia
    A seguire : Dibattito con gli studenti

  • ore 12.45     Conclusioni e chiusura dell’incontro

 

 

 


Invito ai prossimi eventi di Maggio

A Maggio l’Accademia Europeista organizza due eventi dedicati ai giovani e agli amanti dell’Europa. Lunedì 9 Maggio alle ore 11.45 presso l’Auditorium del Liceo Classico Dante Alighieri avrà luogo la “Giornata D’Europa 2016”, mentre Giovedì 12 Maggio verrà presentata l’opera “Visioni d’Europa” presso la Sala Tessitori del Consiglio Regionale FVG a Trieste.

Per scoprire tutti i dettagli di questi due importanti eventi vi invitiamo a visitare la sezione “Eventi” del nostro sito Web.


Per evitare altre Parigi, Bruxelles…

Ve lo dico spassionatamente: non sono rimasto particolarmente turbato dall’attacco di questa mattina a Bruxelles. Me lo aspettavo, era nell’aria che altri attacchi terroristici si sarebbero nuovamente consumati nella nostra Europa. Era da capire solo quando e dove. Il Belgio è sicuramente un obiettivo delicato visto che ospita le più importanti istituzioni comunitarie, ma non solo. In quel paese, insieme alla Francia, ci sono tante aree urbane nelle quali ghetti etnici hanno avuto modo di proliferare con il passare degli anni. Penso al noto quartiere di Molenbeek, dove non è vero dire che vige la Sharia musulmana, ma dove comunque si possono tranquillamente instaurare basi per i potenziali attentatori. La risposta doveva già essere forte dopo i fatti di Parigi dello scorso novembre, ma oggi deve tornare a farsi sentire anche tra l’opinione pubblica, senza colpo ferire. I belgi, i francesi, gli inglesi, i tedeschi, gli italiani, tutti quanti gli europei, si rendano conto che la minaccia fondamentalista islamica esiste, che non può essere sconfitta se non da un coordinamento che ci coinvolga tutti: in un mondo globalizzato come questo, dove le tecnologie avanzano prepotenti, riunire le risorse disponibili è l’unico modo per essere sicuri di vincere in questa guerra. L’Unione Europea non deve assolutamente tornare indietro, ma continuare il suo percorso, che oggi è arrivato a metà. La sicurezza, la politica estera, la difesa devono essere comuni, con un esercito unico e un servizio d’intelligence ben funzionante da Roma a Stoccolma. Se i cittadini richiedono più sicurezza è giusto venirgli incontro, basta che lo si faccia sul serio. Operazioni militari vanno condotte nei punti più delicati delle nostre città, controllando ciò che viene detto e fatto nelle moschee e in altri centri di aggregazione, che sono diventati il punto di riferimento per chi si trova solo ed escluso. L’Isis mira alla guerra con l’Europa, intende creare uno stato di confusione e di paura e odio verso i musulmani che vivono su suolo europeo, anche quelli innocenti. Ce la sta facendo, visto che tanti di noi hanno iniziato a cedere a derive estremistiche e nazionalistiche, dettate da facili umori momentanei di rabbia vendicativa. La risposta europea deve essere civile: all’attentatore Salah, mentre cercava di fuggire, è stato sparato alle gambe per poi processarlo, non al petto per ucciderlo. Tiriamo fuori ciò che abbiamo conquistato di buono dopo secoli e secoli di storia, dimostriamo al mondo di essere persone civili pronti a combattere, ma anche ad aiutare chi è in difficoltà. Va al più presto approntato un serio piano di accoglienza dei profughi, non come quello che ha semplicemente passato la patata bollente ad una Turchia molto ambigua. Le persone che desiderano fuggire da guerre e morte troveranno comunque un modo per arrivere qua, per vie illegali. Vogliamo veramente creare altri ghetti dove i figli degli immigrati nasceranno e cresceranno con un sentimento di odio e chiusura verso gli europei, aumentando le file dell’esercito dell’Isis? Il nemico è già dentro nella nostra casa. Va estirpato al più presto, prima che trovi altri adepti tra disperati che vorrebbero essere solo cittadini europei.

di Daniel Baissero


Corso di formazione “Introduzione al Fundraising per le organizzazioni no-profit”

L’Accademia Europeista del Friuli Venezia Giulia organizza, in collaborazione con Poli@rchia, il corso “Introduzione al Fundraising per le organizzazioni no-profit“. Il corso di formazione, che si terrà in quattro serate tra il 9 e il 16 novembre, introdurrà ai principi e agli strumenti della raccolta fondi per le associazioni no-profit.

Pensato per studenti, neolaureati ma anche per gli operatori del settore che vogliono approfondire il tema, il corso intende far scoprire la professione del fundraiser, figura chiave nel fornire strumenti utili alle associazioni da implementare nella propria raccolta fondi.

Il programma del corso sarà il seguente:

Lunedì 9 novembre ore 19.00-21.00 Mercoledì 11 novembre ore 19.00-21.00  Venerdì 13 novembre ore 19.00-21.00 Lunedì 16 novembre ore 19.00-21.00
I fondamenti del Fundraising La pianificazione del Fundraising La raccolta fondi da individui, la raccolta fondi da imprese, la raccolta fondi da fondazioni Digital Fundraising, strumenti open source per comunicare sul web, esercitazioni pratiche.

E’ possibile iscriversi inviando una e-mail all’indirizzo info@accademia-europeista.eu entro il giorno 8 novembre.

Per informazioni: 333-2957779 – info@accademia-europeista.eu

 



Invito all’evento “WE Europeans”

Tutti i soci ed i simpatizzanti sono invitati a partecipare alla serie di conferenze “We Europeans”, in programma il 2 e il 3 ottobre, a Gorizia. Evento organizzato dall’Accademia Europeista del Friuli Venezia Giulia, l’Europahaus Klagenfurt e l’Europa Union Deutschland Berchtesgadener Land.

Potete visualizzare l’evento alla seguente pagina del nostro sito web: http://www.accademia-europeista.eu/event/we-europeans/

Un’ottima occasione per confrontarsi su temi di attualità tra cittadini europei, nella fattispecie italiani, austriaci e tedeschi, con l’intervento di esperti nelle più disparate materie. Immigrazione, moneta unica, politica estera, cittadinanza europea, cultura, opportunità lavorative… Dialogare insieme per ampliare il proprio punto di vista. La lingua di lavoro sarà l’inglese.

Il programma prevede due momenti: il 2 ottobre alle 18.30 i saluti delle autorità e dei responsabili dell’Accademia Europeista, a seguire la relazione “Threefold discrepancy challenge Europeans identity” di Johannes Maier, direttore della coordinazione europea del governo della Carinzia. Ci sarà poi la cena tra i partecipanti.
Il 3 ottobre alle 9.30 aprirà Pio Baissero, direttore dell’Accademia Europeista del Friuli Venezia Giulia, con il workshop “introducing ourselves”, durante il quale i partecipanti si presenteranno agli altri. Seguirà la relazione di Stefan Wienecke, presidente dell’Europa Union Deutschland Berchtesgadener Land di Bad Reichenhall, “European citizenship: an opportunity for our common future”, con relativa discussione. Dopo il pranzo con Pasquale Antonio Baldocci, ambasciatore e direttore dell’ISPRI (Istituto per gli Studi di Previsione e le Ricerche Internazionali), ci parlerà di cultura ed educazione con la conferenza dibattito “The citizenship, Europe as an educational moment of an European identity”. Concluderà la giornata un tour a Gorizia e dintorni, con cena finale.

Il seminario si terrà presso la Sala Open Space di via Diaz 6 (galleria).